Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.diabetescore.it/home/libraries/src/Helper/ModuleHelper.php on line 555
L'insulina Ryzodeg, un derivato del Degludeg ad effetti misti - Diabetescore
Roma 15 °C
  04.12.2021 Ferienhaus Ostsee
   

Indice
Effetto farmadinamico
Elenco degli eccipienti
Flessibilità degli orari di somministrazione
Inizio del trattamento
Studi

Ryzodeg è un analogo dell'insulina molto simile all'insulina prodotta dall'organismo umano differenziandosi per il duplice assorbimento che produce, contenente i principi attivi sia dell’insulina aspart (producendo quindi un assorbimento rapido) e dell’insulina degludec (producendo quindi un assorbimento ultralento), a differenza dell’assorbimento umano, che è solo rapido e in tempo reale, nel senso che interviene solo al momento del bisogno e ciò a prescinder dal fatto se mangiamo o meno (in altre parole per compensare il glucagone): pertanto mentre l'insulina aspart comincia ad agire poco dopo essere stata somministrata (quindi ha una breve durata) d'azione, l'insulina degludec ha una lunga durata d'azione venendo assorbita più lentamente dall'organismo impiegando più tempo a raggiungere il tessuto bersaglio nell'organismo.
Trattandosi di un analogo, il Ryzodeg possiede gli stessi meccanismi d'azione dell'insulina naturale favorendo la penetrazione del glucosio nelle cellule attraverso il sangue: controllando il livello di glucosio nel sangue, riduce i sintomi e le complicanze del diabete.

Ryzodeg è usato nel trattamento del diabete di tipo 1 (unitamente ad altre insuline) di tipo 2 negli adulti e può essere ottenuto soltanto con prescrizione medica. Può essere somministrato in combinazione di altre insuline rapide (DT1) lo, in associazione con medicinali antidiabetici orali (DT2).
È disponibile come soluzione iniettabile in cartuccia (100 unità/ml) e in penna preriempita (100 unità/ml).

La Commissione europea ha rilasciato un'autorizzazione all'immissione in commercio il 21 gennaio 2013, valida per tutta l'Unione europea, avendo ritenuta l’efficacia del famaco nel controllare i livelli di glucosio nel sangue nei pazienti con diabete di tipo 1 e 2 (è stato evidenziato una riduzione del “rischio di ipoglicemia” in particolare nelle ore notturne), ma anche un elevato livello di sicurezza nel senso che gli effetti “indesiderati” sono paragonabili a quelli di altri analoghi dell'insulina, per i quali non sono segnalati effetti indesiderati inattesi; in altre parole la Commissione ha ritenuto che i benefici di Ryzodeg sono superiori ai suoi rischi.

I principi attivi di Ryzodeg, insulina degludec e insulina aspart, vengono prodotti con un metodo denominato "tecnica del DNA ricombinante": vengono cioè ottenuti da un lievito che è stato dotato di un gene (DNA) che lo rende in grado di produrre insulina.
Dopo l’iniezione sottocutanea, si formano multi-esameri solubili e stabili, che creano un deposito di insulina nel tessuto sottocutaneo, non interferendo con il contestuale rapido rilascio dei monomeri dell’insulina aspart nella circolazione. I monomeri di insulina degludec si separano gradualmente dai multi-esameri determinando così un rilascio lento e continuo di insulina degludec nella
circolazione.

Indice


Effetto farmadinamico
Il profilo farmacocinetico dell’insulina aspart è rilevabile 14 minuti dopo l’iniezione, con una concentrazione massima dopo 72 minuti mentre l’emivita della componente basale (insulina degludec) durano per circa 25 ore .
Tuttavia i primi effetti benevoli si raggiunge dopo 2-3 giorni di somministrazione giornaliera di Ryzodeg, ossia quando la concentrazione sierica della componente basale (insulina degludec) si consolida.
L’emivita dopo somministrazione sottocutanea di Ryzodeg è determinata dal grado di assorbimento dai tessuti sottocutanei.
L’effetto farmacodinamico di Ryzodeg è distintamente separato per le due componenti (cfr. Figura 1) e il profilo di azione che ne risulta rispecchia le singole componenti, l’insulina aspart ad azione rapida e la componente basale, l’insulina degludec.

Ryzodeg1

La componente basale di Ryzodeg (insulina degludec) forma multi-esameri solubili quando Ryzodeg viene iniettato per via sottocutanea, determinando un deposito da cui l’insulina degludec viene assorbita continuamente e lentamente nella circolazione portando a un effetto ipoglicemizzante uniforme e stabile.
Questo effetto viene mantenuto nella co-formulazione con l’insulina aspart e non interferisce con i monomeri di insulina aspart ad azione rapida: dopo l’iniezione sottocutanea, come detto si formano multi-esameri solubili e stabili che creano un deposito di insulina nel tessuto sottocutaneo, non interferendo con il rapido rilascio dei monomeri dell’insulina aspart nella circolazione. I monomeri di insulina degludec si separano gradualmente dai multi-esameri determinando così un rilascio lento e continuo di insulina degludec nella circolazione.
Ryzodeg ha una rapida insorgenza d’azione: l’effetto inizia poco dopo l’iniezione e offre una copertura prandiale, mentre la componente basale ha un profilo di azione uniforme e stabile che offre una copertura continua del fabbisogno insulinico basale.
Gli effetti ipoglicemizzanti totali e massimi di Ryzodeg aumentano in modo lineare con l’incremento delle dosi.
Non vi è differenza nell’effetto farmacodinamico di Ryzodeg tra i pazienti anziani e giovani.

Indice


Elenco eccipienti
● Glicerolo
● Metacresolo
● Fenolo
● Cloruro di sodio
● Acetato di zinco
● Acido cloridrico (per aggiustamento del pH)
● Idrossido di sodio (per aggiustamento del pH)
● Acqua per preparazioni iniettabili

Indice


Flessibilità degli orari di somministrazione
Il dosaggio di Ryzodeg deve essere determinato sulla base delle necessità individuali dei pazienti.
Si raccomanda che gli aggiustamenti della dose siano basati principalmente sui valori del glucosio plasmatico a digiuno.
Come per tutti i medicinali insulinici, un aggiustamento della dose può rendersi necessario se i pazienti aumentano l’attività fisica, se modificano la dieta abituale o nel corso di una malattia concomitante.
Ryzodeg permette flessibilità negli orari di somministrazione dell’insulina, purché venga somministrato con il pasto o i pasti principali.
Se il paziente salta una dose di Ryzodeg, può iniettarsi la dose mancata con il pasto principale seguente di quel giorno e successivamente riprendere lo schema di somministrazione abituale. I pazienti non devono usare una dose extra per compensare una dose saltata.
Non sono state rilevate differenze clinicamente rilevanti nella farmacocinetica di Ryzodeg tra pazienti anziani e giovani, tra diverse etnie o tra soggetti sani e pazienti con insufficienza renale o epatica.
La potenza degli analoghi dell’insulina, compreso Ryzodeg, è espressa in unità (U) ed 1 unità (U) di
Ryzodeg corrisponde ad 1 unità internazionale (UI) di insulina umana e a 1 unità di insulina glargina, unità di insulina detemir o 1 unità di insulina bifasica aspart.

Indice


Inizio del trattamento
Pazienti con diabete mellito di tipo 1.
La dose iniziale raccomandata di Ryzodeg è il 60-70% del fabbisogno insulinico giornaliero totale. Ryzodeg deve essere usato una volta al giorno in corrispondenza del pasto, in combinazione con un’insulina ad azione breve/rapida agli altri pasti a cui dovranno seguire aggiustamenti posologici individuali.
Pazienti con diabete mellito di tipo 2.
La dose iniziale giornaliera totale raccomandata è di 10 unità con il pasto o i pasti, seguita da aggiustamenti posologici individuali.
Pere entrambi i pazienti dovranno essere seguite delle cautele nel caso di passaggio per i pazienti che passano da una terapia insulinica basale o premiscelata a Ryzodeg

Ryzodeg può essere utilizzato in tutti i soggetti ad eccezione dei ragazzi al di sotto dei 18 anni, mentre per alcune categorie di soggetti (pazienti più anziani(≥ 65 anni), pazienti con insufficienza renale ed epatica, e ragazzi al di sopra dei 18 anni di età occorre intensificare il monitoraggio della glicemia ed aggiustare il dosaggio dell’insulina su base individuale.

Per il resto presenta molte analogie con il degludec:
è esclusivamente per uso sottocutaneo (tramite iniezione nella parete addominale, nella parte superiore del braccio o nella coscia, facendo attenzione a ruotare le iniezioni anche all’interno della stessa area per ridurre il rischio di lipodistrofia) e non deve essere somministrato:
- per via endovenosa, poiché ciò può provocare gravi ipoglicemie.
- per via intramuscolare, poiché ciò può modificare l’assorbimento.
- attraverso i microinfusori.

Può essere somministrato per iniezione una volta al giorno, ai pasti. Il medicinale è somministrato per via sottocutanea tramite iniezione nella parete addominale, nella parte superiore del braccio o nella coscia. Le zone di iniezione devono sempre essere alternate all'interno della stessa area per ridurre il rischio di lipodistrofia (alterazioni nella distribuzione del tessuto adiposo corporeo) a livello sottocutaneo, che può interferire con il quantitativo di Ryzodeg assorbito dall'organismo.
La dose corretta deve essere determinata in base alle necessità individuali dei pazienti.
Nel diabete di tipo 1, l’insuilina Ryzodeg, dopo la prima somministrazione, è usata in combinazione a un'insulina ad azione rapida relativamente agli altri pasti.

Indice


Studi
Gli effetti di Ryzodeg sono stati analizzati in modelli sperimentali prima di essere studiati sugli esseri umani.
Ryzodeg è stato esaminato in uno studio principale, a cui hanno partecipato 548 pazienti affetti da diabete di tipo 1, e in quattro studi principali, a cui hanno partecipato 1 866 pazienti con diabete di tipo 2. Negli studi Ryzodeg somministrato ai pasti è stato confrontato con insulina glargine o insulina detemir (insuline a lunga durata d'azione) o con insulina bifasica (una formulazione insulinica consistente in una combinazione di insulina ad azione intermedia e rapida). Negli studi sul diabete di tipo 1 ai pazienti è stata somministrata anche insulina ad azione rapida agli altri pasti. Negli studi sul diabete di tipo 2 Ryzodeg è stato somministrato da solo o in combinazione con altri medicinali antidiabetici.
Tutti gli studi misuravano la concentrazione ematica dell'emoglobina glicosilata (HbA1c), che è la percentuale di emoglobina nel sangue che si lega al glucosio. L'HbA1c dà un'indicazione dell'efficacia del controllo del glucosio nel sangue. Tutti gli studi sono durati sei mesi, a eccezione di uno che è stato protratto per un anno.
Gli studi hanno mostrato che Ryzodeg è efficace almeno quanto le insuline a lunga durata d'azione e l'insulina bifasica nel controllare i livelli di glucosio nel sangue nei pazienti con diabete di tipo 1 e di tipo 2. La riduzione dei livelli di HbA1c è stata di 0,7% nei pazienti con diabete di tipo 1, mentre oscillava tra l'1% e l'1,7% nei pazienti con diabete di tipo 2.
Effetti indesiderati
L'effetto indesiderato più comune di Ryzodeg è l'ipoglicemia (bassi livelli di glucosio nel sangue).
Ryzodeg non deve essere somministrato a soggetti che sono ipersensibili (allergici) a insulina degludec, insulina aspart o a uno qualsiasi degli altri ingredienti.
Sono state riferite raramente ipersensibilità (manifestata sotto forma di gonfiore della lingua e delle labbra, diarrea, nausea, stanchezza e prurito) e orticaria.
Probabili le reazioni allergiche all’insulina stessa o ai suoi eccipienti
Bisogna fare attenzione a casi di ipoglicemiae alla lipodistrofia (incluse lipoipertrofia, lipoatrofia) nel sito di iniezione.

Indice


Fonti
http://www.ema.europa.eu/docs/it_IT/document_library/EPAR_-_Summary_for_the_public/human/002499/WC500139014.pdf
http://www.my-personaltrainer.it/farmaci/ryzodeg.html