Roma 15 °C
  23.09.2018 Ferienhaus Ostsee
   

Indice
Insulino resistenza
Cause che innescano insulina resistenza
Cause che aumentano la sensibilità all’insulina
Misurare l’insulino resistenza
- metodi diretti
    1) test di tolleranza al  glucosio (GTT)
    2) Modificato insulina test di soppressione
    3) Clamp euglicemico iperinsulinemico

- metodi indiretti
    1) indice HOMA
    2) indice Quicki


L’insulina è un ormone che viene prodotto dalle cellule beta del pancreas.
L’insulina prodotta viene rilasciata nel flusso sanguigno e viaggia in tutto il corpo. La maggior parte delle azioni dell’insulina sono dirette al metabolismo (controllo) dei carboidrati, lipidi (grassi) e proteine.
L’insulina è importante anche nella regolazione delle cellule del corpo, compresa la loro crescita.
La resistenza all’insulina o insulino resistenza (IR) è una condizione in cui le cellule del corpo diventano resistenti agli effetti dell’insulina, cioè la normale risposta a una determinata quantità di insulina è ridotta. Di conseguenza, sono necessari livelli di insulina più elevati per ottenere la stessa risposta.
Una situazione di insulino resistenza può portare alla  sindrome metabolica e successivamente al diabete.

Brevemente per sindrome metabolica (detta anche sindrome X, sindrome da insulino-resistenza, di CHAOS o sindrome di Reaven) si intende, in ambito medico, una situazione clinica ad alto rischio cardiovascolare che comprende una serie di fattori di rischio e di sintomi ossia qualunque elemento che possa favorire lo sviluppo e il progredire di una malattia, che si manifestano contemporaneamente nell'individuo. Questi sono spesso correlati allo stile di vita della persona (peso eccessivo, vita sedentaria) o a situazioni patologiche preesistenti (obesità, ipercolesterolemia - presenza di un elevato tasso di colesterolo nel sangue - ecc.). Colpisce un'elevata percentuale della popolazione a livello mondiale, principalmente d'età avanzata.  Gli studi svolti confermano che gli individui colpiti dalla sindrome metabolica, che non cambiano drasticamente il proprio stile di vita, hanno un elevato tasso di mortalità legato a problemi cardiovascolari (H.M. Lakka (2002). The metabolic syndrome and total and cardiovascular disease mortality in middle-aged men. JAMA 288: 2709  (in en).

Se ad esempio un giovane necessita di 10 unità di insulina ogni 100g di zucchero, se si instaura una situazione di insulino resistenza necessiterà ad esempio di 15 unità di insulina per lo stesso quantitativo di zucchero. Più l’insulino resistenza peggiora e maggiore è il numero di unità di insulina che l’organismo richiede per metabolizzare la stessa quantità di glucosio, fino ad arrivare ad una situazione in cui è necessario somministrare insulina dall’esterno, perchè il pancreas non riesce più a far fronte alle richieste dell’organismo.

Cause che innescano insulina resistenza
• La dieta: un’alimentazione troppo ricca in zuccheri semplici provoca una maggiore produzione ed un maggior rilascio di insulina da parte del pancreas e le cellule piano piano si abituano a questi elevati livelli di insulina e nel tempo ne richiedono sempre di più per funzionare.
• L’obesità, soprattutto quella addominale, che oltretutto oltre a causare insulino resistenza produce molte sostanze infiammatorie (l’obesità è uno stato di infiammazione cronica).
• l’età

Indice


Cause che aumentano la sensibilità all’insulina
L’attività fisica: l’esercizio fisico aumenta la sensibilità all’insulina da parte dei tessuti, soprattutto quello muscolare. Aumentare la sensibilità all’insulina è l’esatto inverso che aumentare l’insulino resistenza. Tuttavia anche nel caso di esercizio fisico bisogna fare attenzione a non usare farmaci steroidei (come il cortisone).

Indice


Misurare l’insulino resistenza
Un livello sierico di insulina a digiuno superiore al limite superiore della norma per l'analisi utilizzati (circa 60 pmol / L) è considerato evidenza di insulino-resistenza.

- metodi diretti (più precisi e accurati).

1. test di tolleranza al  glucosio (GTT)
Durante un test di tolleranza al glucosio, che può essere usato per diagnosticare il diabete mellito, un paziente digiuno prende una dose di 75 grammi di glucosio per via orale. Livelli di glucosio nel sangue sono poi misurati nei successivi 2 ore.
L'interpretazione si basa su linee guida dell'OMS. Dopo 2 ore glicemia inferiore a 7,8 mmol / L (140 mg / dl) è considerato normale, una glicemia compresa tra 7,8-11,0 mmol / dl (da 140 a 197 mg / dl) è considerato come ridotta tolleranza al glucosio (IGT) e un di glicemia maggiore o uguale a 11,1 mmol / dl (200 mg / dl) è considerato diabete mellito.
Un OGTT può essere normale o lievemente anormale della resistenza all'insulina semplice. Spesso, ci sono un aumento dei livelli di glucosio nelle misure precoce, che riflette la perdita di un postprandiale (dopo il pasto) di picco nella produzione di insulina. Estensione dei test (per diverse ore) può rivelare una ipoglicemia "dip", che è il risultato di un superamento della produzione di insulina dopo il fallimento della risposta fisiologica di insulina post-prandiale.

Indice

2. Modificato insulina test di soppressione
Un'altra misura di insulino-resistenza è la modifica test di soppressione insulinica sviluppato da Gerald Reaven della Stanford University. Il test si correla bene con il morsetto euglicemico con l'errore meno operatore-dipendente. Questo test è stato usato per promuovere il vasto corpo di ricerche relative alla sindrome metabolica.
I pazienti riceveranno inizialmente 25 mcg di octreotide (Sandostatina) in 5 ml di soluzione fisiologica per 3 o 5 min IV come un bolo iniziale, per poi essere infuso continuamente con una infusione endovenosa di somatostatina (0,27 µgm / m 2 / min) per sopprimere secrezione endogena di insulina e glucosio. L'insulina e il 20% di glucosio viene infuso a velocità di 32 e 267 mg / m 2 / min, rispettivamente. Glucosio nel sangue viene controllato a zero, 30, 60, 90 e 120 minuti, e poi ogni 10 minuti per gli ultimi mezz'ora della prova. Questi ultimi 4 valori sono la media per determinare la steady-state livello di glucosio nel plasma. Soggetti con SSPG superiore a 150 mg / dl sono considerati insulino-resistente.

Indice

3. Clamp euglicemico iperinsulinemico: il sistema per eccellenza per misurare l’insulina resistenza, così chiamato perché misura la quantità di glucosio necessario per compensare un aumento del livello di insulina senza causare ipoglicemia. Il test è raramente eseguito in terapia clinica, ma è usato nella ricerca medica, ad esempio, per valutare gli effetti dei diversi farmaci. La velocità di infusione glucosio viene comunemente denominata nella letteratura diabete come valore GINF.
La procedura richiede circa 2 ore. Attraverso una vena periferica, l'insulina è infusa a 10-120 mU per m 2 al minuto. Al fine di compensare l'infusione di insulina, glucosio 20% è infusa per mantenere i livelli di zucchero nel sangue tra 5 e 5,5 mmol / l. La velocità di infusione del glucosio è determinato dal controllo dei livelli di zucchero nel sangue ogni 5 a 10 minuti. Basse dosi di infusioni di insulina sono più utili per valutare la risposta del fegato, mentre ad alte dosi infusioni di insulina sono utili per valutare periferico (cioè, muscolo e grasso) l'azione dell'insulina.
La velocità di infusione glucosio durante gli ultimi 30 minuti della prova determina la sensibilità all'insulina. Se i livelli elevati (7,5 mg / min o superiore) sono obbligatori, il paziente è insulino-sensibili. Livelli molto bassi (4,0 mg / min o inferiore) indicano che il corpo è resistente all'azione dell'insulina. Livelli tra 4,0 e 7,5 mg / min non sono definitivi e suggerire "alterata tolleranza al glucosio," un segno precoce di insulino-resistenza.
Questa tecnica di base può essere notevolmente migliorata con l'uso di traccianti glucosio. Il glucosio può essere etichettato con atomi stabili o radioattivi. Traccianti comunemente utilizzati sono 3-3 glucosio H (radioattivo), 6,6 2 H-glucosio (stabile) e 1-13 glucosio C (stabile). Prima di iniziare il periodo di iperinsulinemico, una infusione di 3 ore tracciante permette di determinare il tasso basale di produzione di glucosio. Durante la pinza, le concentrazioni plasmatiche di tracciante consentono il calcolo dell'insieme del corpo insulino-stimolato il metabolismo del glucosio, così come la produzione di glucosio da parte dell'organismo (per esempio, la produzione di glucosio endogeno).

Indice


- - metodi indiretti (più pratici ma meno precisi)

1. Indice HOMA (Homeostatic model assessment)  è un indice utilizzato per valutare l’insulino-resistenza, una condizione in cui l’insulina non riesce ad esercitare la sua azione per una carenza numerica o funzionale di recettori (vedi insulina). Si basa su un modello omeostatico matematico che considera le concentrazioni sieriche di glucosio e insulina a digiuno.

Ci sono 2 formule da applicare per il calcolo dell’HOMA, a seconda di come viene espressa la glicemia nelle analisi del sangue.
a) Se nelle vostre analisi del sangue trovate la glicemia espressa millimoli /Litro (mmol/L) dovete applicare questa formula:
HOMA-IR = (glicemia a digiuno x insulinemia a digiuno) / 22,5
HOMA-B% = (20 x insulinemia a digiuno) / (glicemia a digiuno – 3,5)

b) Se nelle analisi del sangue la glicemia viene espressa in milligrammi /dL (mg/100ml) bisogna applicare questa formula:
HOMA-IR = (glicemia a digiuno x insulinemia a digiuno) / 405
HOMA-B% = (360 x insulinemia a digiuno) / (glicemia a digiuno – 63)
N.B.
HOMA-IR: è l’indice HOMA che rappresenta l’insulino resistenza. I valori normali sono di 0,23 – 2,5
HOMA-B%: è l’indice HOMA che riporta la funzionalità delle cellule beta del pancreas. Se si ottiene 100 significa che il 100% delle cellule beta funzionano tutte, se si ottiene 0 non funziona nessuna cellula beta pancreatica.

Il paziente si deve sottoporre ad un prelievo di sangue ed è necessario osservare un digiuno di almeno 8 ore, è ammessa l’assunzione di una modica quantità di acqua e occorre essere in posizione eretta da almeno 30 minuti.

Valutazione della insulino-resistenza nelle iperglicemie dei pazienti obesi (specialmente con obesità viscerale) e nella sindrome metabolica (contemporanea presenza di almeno tre dei seguenti fattori di rischio: pressione arteriosa sup. a 130/85 mmHg, trigliceridi sup. a 150 mg/dL, glicemia a digiuno sup. a 110 mg/dL, colesterolo HDL inf. a 40 mg/dL nel maschio e inf. a 50 mg/dL nella femmina, circonferenza addominale sup. a 102 cm nel maschio e a 88 cm nella femmina.
Soggetti non insulino resistenti: < 2.5

Indice

2. QUICKI (quantitative insulin sensitivity check index ).

L'indice, un po’ meno famoso e più complicato rispetto all’HOMA, è derivato con l'inversa della somma dei logaritmi dei dell'insulina digiuno e glicemia a digiuno:
Questo indice correla bene con studi con clamp glucosio (r = 0,78), ed è utile per misurare la sensibilità all'insulina (IS), che è l'inverso della resistenza all'insulina (IR). Ha il vantaggio di poter essere ottenuto da un campione di sangue a digiuno, ed è il metodo preferito per alcuni tipi di ricerca clinica.

Formula
Indice QUICKI = 1 / (log(insulina a digiuno espressa in µU/mL) + log(glucosio a digiuno espresso in mg/dL))

Indice


Fonti
http://nutritionvalley.it/salute/problemi-metabolici/insulino-resistenza.html
http://www.cdi.it/it/SaluteEdEducazione/Esami/HOMA_index/index.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Sindrome_metabolica
http://www.news-medical.net/health/Insulin-Resistance-Diagnosis-%28Italian%29.aspx
http://en.wikipedia.org/wiki/Quantitative_insulin_sensitivity_check_index