Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.diabetescore.it/home/libraries/src/Helper/ModuleHelper.php on line 544
Congedi parentali - Diabetescore
Informativa.
Questo sito, o gli strumenti terzi da questo utilizzati, si avvalgono di cookie necesssari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o preseguendo la navigazione in altra maniera, accosenti all'uso dei cookie.
Roma 15 °C
  22.06.2018 Ferienhaus Ostsee
   

 Indice
Beneficiari
Durata
Frazionamento
Trattamento economico e previdenziale
Procedura

Il congedo parentale (erroneamente chiamato anche permesso parentale, introdotto dalla legge 53/2000 e che ha sostituito la vecchia Astensione facoltativa) consiste nel diritto spettante  sia alla madre che al padre di godere un periodo di dieci mesi di astensione dal lavoro da ripartire tra i due genitori e da fruire nei primi otto anni di vita  del bambino.
La funzione è quella di consentire la presenza del genitore accanto al bambino nei primi anni della sua vita al fine di  soddisfare i suoi bisogni affettivi e relazionali.

Beneficiari

  • lavoratrici
  • lavoratori dipendenti, anche quelle assunti con contratti atipici
  • lavoratori autonomi: hanno diritto al congedo (inteso come prestazione economica) alcune categorie di lavoratrici autonome (coltivatrici, artigiane,  esercenti attività commerciale). In questo caso il diritto è limitato alla madre e a soli tre mesi. Il diritto al congedo spetta al genitore richiedente  indipendentemente dal fatto che l'altro genitore ne abbia o meno diritto.

Il congedo parentale spetta al genitore richiedente anche qualora l'altro genitore non ne abbia diritto in quanto  disoccupato o lavoratore autonomo.
Se entrambi i genitori sono lavoratori dipendenti possono utilizzare l’astensione facoltativa anche contemporaneamente.
In altre parole ai fini dei congedi parentali madre e padre sono considerati equivalenti.
I Genitori adottivi o affidatari hanno diritto al congedo parentale nella stessa misura.

Indice

Durata
La coppia può decidere se e come utilizzarlo nell’arco dei primi 8 anni di vita del bambino e la durata complessiva del congedo parentale non deve superare i dieci mesi.

Compete

  • alla madre lavoratrice, trascorso il periodo di congedo obbligatorio di maternità, un periodo continuativo o frazionato non superiore a sei mesi
  • al padre lavoratore compete un periodo continuativo o frazionato non superiore ai sei mesi


Se è presente un solo genitore, a questo compete un periodo continuativo o frazionato non superiore a dieci mesi
Per ogni bambino (nato fuori del parto plurimo) i congedi parentali a disposizione della coppia ammontano a dieci mesi. Nel caso di parto plurimo la durata è sempre di dieci mesi a prescindere dal numero di nascituri.
Dal computo si scaleranno però eventuali congedi pre-affidamento se goduti.          

N.B. Se il padre fruisce del congedo parentale per almeno tre mesi, il periodo complessivo dei congedi per i genitori è elevato a undici mesi complessivi, quindi il padre potrà usufruire di un periodo complessivo di sette mesi (in questo modo la legge tenta di incentivare la fruizione dell’astensione facoltativa da  parte del padre, contrastando un’abitudine socialmente consolidata che vede la madre maggiormente coinvolta nella cura dei figli).
Le legge cd. di stabilità 2013 (n. 228/2012) prevede che la contrattazione collettiva di settore stabilisca le modalità di fruizione del congedo su base oraria.

La legge prevede un prolungamento del congedo parentale; i lavoratori (padre o madre) con figlio minore, anche adottivo, affetto da handicap grave avranno diritto,  entro il compimento dell’ottavo anno di vita  del figlio, all’allungamento del congedo parentale fino a tre anni «a condizione che il bimbo non sia ricoverato a  tempo pieno presso istituti  specializzati, salvo che, in tal caso, sia richiesta dai sanitari la presenza dei genitori» (artt. 2 e 3 D.Lgs. 119/2011).

Indice

Frazionabilità
I permessi sono frazionabili in giorno. La 53/2000 consente la massima flessibilità ai genitori. La legge parla di mesi perché ai fini del calcolo si  considerano anche i giorni a qualunque titolo festivi inseriti fra due giorni di astensione. Il genitore che si assenta da venerdì a lunedì compresi  usufruisce di 4 giorni.

Il diritto è assoluto.

Il genitore deve richiederlo con un certo anticipo (almeno 15 giorni) e concordarne le forme con il datore di lavoro, ma non può  essere costretto a rinunciarvi. Il diritto può essere esercitato suddividendolo come si desidera nei primi 8 anni di vita di ogni bambino senza fornire  nessuna spiegazione o documentazione.

Indice

Trattamento economico e previdenziale
Diversi contratti, per esempio quelli nel settore pubblico offrono garanzie maggiori, per esempio considerano pagati al 100% i primi 30 giorni di permesso e  calcolano le giornate di congedo parentale come giornate lavorate al 30% ai fini delle ferie mensilità aggiuntive e contributive.

Il congedo parentale:

  • va computato nell’anzianità di servizio ad eccezione degli effetti relativi alle ferie e alla tredicesima mensilità
  • fatti salvi i migliori trattamenti previsti da un Contratto di lavoro collettivo o aziendale o e le scelte dell'ente che eroga le prestazioni, durante i periodi di  astensione il lavoratore è retribuito con un trattamento economico pari al 30% della retribuzione fino al terzo anno di età del bambino e per un periodo  massimo di sei mesi complessivo fra i genitori
  • dal compimento del terzo anno di età del bambino e fino all’ottavo anno, spetta una retribuzione pari al 30% esclusivamente nel caso in cui il reddito del  genitore sia inferiore a 2,5 volte l’importo del trattamento minimo di pensione
  • è coperto da contribuzione figurativa (pagata dalla gestione previdenziale cui sono iscritti i lavoratori): i periodi di congedo parentale sono soggetti a  contribuzione figurativa, fanno parte dell'anzianità lavorativa ma non sono calcolati ai fini di ferie, tredicesime mensilità, gratifiche e premi vari.

Il contributo non viene dato se il richiedente ha avuto nell'anno precedente un reddito superiore a 2,5 volte l'importo minimo della pensione generale  obbligatoria (limite di reddito).

Indice

Procedura
Il genitore richiedente deve presentare la domanda di congedo al datore di lavoro, con un preavviso non inferiore a 15 giorni con indicazione dell’inizio e  della fine del congedo (vedi schema), allegando:

  • certificato di nascita (o dichiarazione sostitutiva) da cui risulti la paternità o la maternità
  • dichiarazione non autenticata di responsabilità dell’altro genitore da cui risulti il periodo di congedo eventualmente fruito per lo stesso figlio; nella  dichiarazione occorre indicare il proprio datore di lavoro o la condizione di non avente diritto al congedo
  • analoga dichiarazione non autenticata di responsabilità del genitore richiedente relativa ai periodi di astensione eventualmente già fruiti

Indice

Fonti
http://www.diabete.it/dossier/view.asp?IDCat=891&ID=893
http://www.dirittierisposte.it/

Nel settore pubblico, per i vari orientamenti dati dall'ARAN a quesiti proposti, consultare il seguente link
http://www.aranagenzia.it/index.php/orientamenti-applicativi/comparti/ministeri/3228-ministeri-congedi-dei-genitori